Hujroh - Forum Pesantren Indonesia Alumni Pesantren Indonesia Forum      Misi Hujroh
 

Main juga kesini sul:
The Ghurfah Kisah Sukses Alumni Alumni di Luar Negeri Bisnis Online Hikayah fi Ma'had Railfans Dunia Pesantren Ekonomi Islam
Forum  Hoby & Minat  Bahasa Arab 
LOTTA ALLA CORRUZIONE DI FUNZIONARI STRANIERI
Pages: [1]

(Read 119 times)   

Admin

  • Administrator
  • Abadan fi Ma'had
  • ***
  • Admin No Reputation.
  • Join: 2013
  • Posts: 2592
  • Logged
LOTTA ALLA CORRUZIONE DI FUNZIONARI STRANIERI
« on: 10 Sep, 2018, 23:33:44 »

LOTTA ALLA CORRUZIONE DI FUNZIONARI STRANIERI
Quando si fanno affari all'estero, un'impresa deve essere consapevole delle severe norme e regolamenti che regolano la corruzione nelle transazioni internazionali. Nel 1997, 34 nazioni hanno firmato la Convenzione sulla lotta alla corruzione di pubblici ufficiali stranieri nelle transazioni commerciali internazionali. Questa convenzione, istituita dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), è entrata in vigore nel 1999, e richiede alle nazioni firmatarie di rendere un reato penale il pagamento di tangenti a funzionari governativi stranieri. Prima dell'adozione della convenzione dell'OCSE e della sua legislazione di attuazione, molte nazioni permettevano alle loro imprese di dedurre dalle tasse i costi della corruzione di funzionari governativi stranieri.
Ora le imprese che operano sui mercati esteri sono sempre più sotto esame e regolamentazione nei loro paesi d'origine. Ad esempio, le aziende statunitensi sono governate dal Foreign Corrupt Practices Act (FCPA), che rende illegale corrompere funzionari governativi stranieri per ottenere un vantaggio commerciale. Le aziende statunitensi che conducono affari a livello internazionale di solito trovano consigliabile mantenere rigorosi programmi di conformità aziendale per assicurare che rispettino l'FCPA e le leggi delle altre nazioni che sono parte della Convenzione OCSE.
L'FCPA vieta alle imprese statunitensi di utilizzare intermediari quali agenti indipendenti, joint venture o imprese straniere per effettuare pagamenti corrotti per conto dell'impresa statunitense. Queste disposizioni impongono alle imprese statunitensi di sviluppare relazioni commerciali con partner e rappresentanti affidabili e qualificati. Incoraggiano queste imprese a praticare la due diligence quando lavorano con imprese straniere.
La due diligence può assumere la forma di indagine sui rappresentanti stranieri e sui partner di joint venture per determinare il loro status di azienda locale. L'FCPA incoraggia le imprese ad essere consapevoli delle bandiere rosse. Questi indicatori includono modelli di pagamento o accordi finanziari insoliti, una storia di corruzione, il rifiuto di impegnarsi a sostenere pratiche commerciali legittime e la mancanza di trasparenza. Il mancato rispetto di queste disposizioni potrebbe portare a multe o alla reclusione secondo la legge statunitense. Si veda l'Appendice F per una descrizione dettagliata del Foreign Corrupt Practices Act.
IL RISPETTO DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO DI DENARO SPORCO
L'uso del commercio legittimo per nascondere l'origine illegittima di grandi somme di denaro sporco - ha un effetto destabilizzante sulle imprese coinvolte, sulle istituzioni finanziarie nazionali e sulla società nel suo complesso. Un'economia che permette il riciclaggio di fondi illegittimi è vulnerabile alla criminalità organizzata che si infiltra nelle istituzioni finanziarie e nelle imprese legittime e aggrava la corruzione nel governo. Un'economia di mercato emergente
possono essere tentati di rischiare questi disastri per l'immediato flusso di denaro contante attraverso l'economia. Tuttavia, avere un'immagine di paradiso per il riciclaggio di denaro sporco renderà molto più difficile sviluppare una reputazione di ambiente stabile e sicuro per gli investimenti17.
Le imprese che lavorano con un partner straniero, o anche con un partner nazionale che ha legami con istituzioni finanziarie statunitensi, dovrebbero essere consapevoli che i regimi antiriciclaggio e le segnalazioni di attività sospette che sono stati richiesti per diversi anni sono stati estesi ad altre categorie di istituzioni finanziarie. In base alle norme del Tesoro statunitense che sono state promulgate, sono state proposte, o sono in attesa di approvazione, gli istituti finanziari tenuti ad avere un programma antiriciclaggio di denaro sporco non solo banche, associazioni di risparmio e unioni di credito, ma anche intermediari e commercianti di titoli, casinò, operatori di sistemi di carte di credito, imprese impegnate nella vendita di veicoli, agenti di pegno, banchieri privati e una serie di altre entità.

Mentre molti paesi, comprese le economie di mercato emergenti, hanno disposizioni antiriciclaggio simili, le disposizioni statunitensi possono influire sulle operazioni estere attraverso obblighi di due diligence per i conti corrispondenti e i conti bancari privati. In base a tali normative, un'ampia gamma di istituti finanziari al di fuori degli Stati Uniti sono soggetti all'obbligo di due diligence ai sensi del regime antiriciclaggio statunitense se detengono un conto corrispondente negli Stati Uniti. In alcune circostanze di due diligence rafforzata, gli Stati Uniti e altri istituti finanziari possono essere tenuti a raccogliere informazioni dettagliate prima di fare affari con imprese o individui.

Anche quando una RBE non è tecnicamente un istituto finanziario, la regola di base "conosci il tuo cliente" è la condotta commerciale responsabile. Questa regola è importante per un'economia di mercato emergente, in particolare per ottenere l'accettazione internazionale. Ad esempio, un organismo internazionale per la lotta contro il riciclaggio di denaro, la Financial Action Task Force on Money Laundering, sostiene contromisure che limiterebbero le transazioni finanziarie con alcuni paesi. Finora ha raccomandato o preso in considerazione tali restrizioni per un certo numero di paesi.